Il 31 Maggio è la Giornata Internazionale degli Assistenti di Volo.

Sapete, le prime persone che vedete appena saliti su un aereo, quelle che chiamate sia quando vi sentite poco bene, che quando desiderate un caffè. Quando volete essere rassicurati perché l’aereo balla troppo e i film catastrofici vi hanno segnato per la vita e allora ogni giorno può esserci un atterraggio sull’Hudson.
Quelli che non sanno cosa siano le festività, che portano due orari diversi sul polso perché oggi sei a Milano ma domani sei a Bangkok. Gli stessi che vi dicono buongiorno e vi sorridono anche quando non c’è nulla per cui sorridere. Un trolley come estensione naturale del braccio, un’uniforme dai colori più fashion o improbabili. Ma quelli che hanno comunque scelto di VOLARE e anche quando camminano hanno sempre il muso verso l’alto, catturati dalle scie di un aereo anche se c’erano su 24 ore prima.
Gli assistenti di volo che sono lì per la vostra sicurezza in primis, per rendere il vostro volo più confortevole in secundis, non considerando che spesso devono ricoprire altre mille mansioni ed essere estremamente pazienti, empatici, assertivi q.b. E facendo le corna, essere pronti e reattivi a qualunque tipo di emergenza, da quella tecnica a quella medica.
La giornata internazionale degli assistenti di volo è per loro, è in particolar modo per coloro che vorrebbero ma non possono festeggiarla nel migliore dei modi. Come gli assistenti di volo di AirItaly. Vorrebbero tornare tra le nuvole, per dirvi “benvenuti a bordo” ancora una volta, non sotto i palazzi governativi con un disperato grido di aiuto.

Questa giornata è dedicata a professionisti che hanno fatto della loro passione il loro lavoro.

#salviamoairitaly #internationalflightattendantday #fly #crewlife


logo 100

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »